Pantaloni cropped: guida all’uso

Tra e me e i pantaloni esiste un rapporto di amore-odio che dura da sempre. Da una parte li adoro per la loro comodità e la loro versatilità che li rende casual e formali allo stesso tempo. D’altro canto però trovare i pantaloni perfetti è un po’ come partire alla ricerca del sacro Graal. Troppo larghi, troppo lunghi, tirano sui fianchi etc. etc. Come rovinare una giornata perfetta? Entrare in un negozio e provare dei pantaloni. Risultato assicurato.

Fatta questa doverosa premessa vorrei parlare dell’ultima tendenza in fatto di pantaloni. Già da qualche tempo aveva fatto la sua entrata nelle collezioni di qualche marchio, ora è esplosa definitivamente. Sono i pantaloni larghi, tagliati al polpaccio, chiamati anche culotte o cropped. In realtà sono sia culotte che cropped perché sono sia larghi che tagliati corti.

Pantaloni cropped: le proposte dalle passerelle

sfilate-pantaloni-cropped
Da sinistra: Dior, Massimo Rebecchi, Tommy Hilfiger
pantaloni-cropped-designers
Da sinistra: H&M, Max&Co, Cos

Devo essere sincera: questi pantaloni mi lasciano perplessa. Probabilmente perché non li vedo adatti al mio fisico: gamba corta+pantalone a metà polpaccio = effetto gamba mozzata. E’ pura e semplice matematica. Spulciando però outfit su outfit devo anche ammettere che in alcuni casi non mi risultavano totalmente sgradevoli. Basta copiare qualche idea  alle celebrities e allo street style.

Pantaloni cropped: come portarli

pantaloni-cropped-celebrities
Da sinistra: Victoria Beckham, Olivia Palermo, Stella McCartney

pantaloni-cropped-street-style

Si ai tessuti morbidi: sono chic e nascondono i difetti che tutte noi abbiamo. E si, ce li hanno anche loro nelle foto qua sopra.

Si ai tacchi, sempre e comunque. Essendo il taglio di questi pantaloni parecchio pericoloso, il tacco aiuta a slanciare la figura. Irrinunciabile.

Si alla vita alta: allunga la figura e da l’illusione che il punto vita sia più stretto.

Pantaloni cropped: come NON portarli

pantaloni-cropped-street-style

 

No agli stivali. Come detto sopra meglio optare per i tacchi, sempre. Ma se proprio non ce la fate scegliete delle sneakers o delle scarpe stringate che lascino libera la caviglia.

No alle borse troppo grandi. Visto che i pantaloni tendono ad accorciare la figura è preferibile una borsa piccola o una pochette. Una borsa troppo ingombrante appesantisce ulteriormente la silhouette.

No ai pantaloni troppo corti. Sopra al ginocchio si chiamano bermuda e forse sono ancora più difficili da portare decentemente dei cropped/culottes/corti.

Rispondi